Aggredito senegalese: “Sono italiano”. Due minuti e mezzo di calci e pugni

Gli arresti - Il gip: “Diffusa omertà in paese”
Aggredito senegalese: “Sono italiano”. Due minuti e mezzo di calci e pugni

De minuti e mezzo di calci e pugni nelle orecchie fino a farle sanguinare, un pestaggio brutale e gratuito in pieno centro a Partinico, a 40km da Palermo, preceduto dalle parole “guarda quel figlio di puttana negro, siete tutti figli di puttana, ve ne dovete andare dal nostro Paese” è costato al senegalese Dieng Khalifa, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.