Affinità (dis)elettive tra amori tragicomici

“Le beatitudini” di Licia Lanera: due coppie male assortite, un mago ciarlatano, scambi di partner, un finale violento con una spruzzata di metateatro. Molta carne al fuoco. Forse troppa
Affinità (dis)elettive tra amori tragicomici

Chi confonde realtà e finzione è tecnicamente uno psicotico. Siccome però qualche dubbio in merito è venuto persino a Cartesio, concediamo allo psicotico di essere anche filosofo, non soltanto pazzo: Licia, ad esempio, ha “iniziato a confondere le cose, a non fare più differenza tra quello che è reale e quello che non lo è. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.