Addio D’Angiò, poeta folk della nuova napoletanità

È stato uno dei pionieri della musica etnica nel nostro Paese La sua Compagnia di canto popolare, tra tradizione e avanguardia, ha segnato un’epoca
Addio D’Angiò, poeta folk della nuova napoletanità

Lo chiamavano il poeta del Folk revival italiano, un vero mentore nella tradizione di musica etnica e folk nel nostro paese. Carlo D’Angiò ci ha lasciato all’età di settant’anni, a seguito di una malattia incurabile. I funerali si svolgeranno oggi alle 11 nella Chiesa di Santa Maria Apparente a Napoli. Il Sindaco Luigi De Magistris […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.