Addio Albertazzi, maestro dei perdenti

Aveva 92 anni. Una vita in prima linea, da Salò a “Ballando”
Addio Albertazzi, maestro dei perdenti

Il testo che noi mettiamo in scena racconta di come il re Enrico V, prima di un’importante battaglia, si presentasse ai suoi soldati sotto false spoglie, truccato da semplice combattente, per poter provocare i suoi uomini e conoscerne l’umore e il pensiero. A nostro avviso questi dialoghi sono stati manomessi da estranei in favore di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.