» Cultura
martedì 05/12/2017

Abbasso gli analisti, evviva le nevrosi

Marco Rinaldi fa un viaggio tra lacaniani, freudiani, junghiani per poi capire che, in fondo, il Sé non è poi così vero
Abbasso gli analisti, evviva le nevrosi

“C’hanno provato, c’hanno provato in tanti”. Racconta l’Autore che il primo, più di quarant’anni fa, è stato un giovane psichiatra lacaniano, il dottor A., liquidato un anno e mezzo dopo l’inizio della terapia con un assegno inviato per posta. Lui, l’Autore, dice di vergognarsi molto di quel comportamento, ma poi ha fatto fuori così anche […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca

Manca l’acqua nel Sud Pontino: caldaie a singhiozzo, torna la stufa

Cultura

Neil Young: mezzo secolo di musica gratuita (e online)

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style
Cultura
Carpe diem

Fresu e Devil Quartet colgono l’Italian style

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×