A ognuno la sua attesa: Sergio Algozzino ritrova Stefan Zweig per un romanzo corale

“Il mondo di ieri”: dal giovane innamorato al vecchio viaggiatore
A ognuno la sua attesa: Sergio Algozzino ritrova Stefan Zweig per un romanzo corale

Palermo, attraverso tutto il Novecento. Un ragazzo che aspetta un’amica, vorrebbe chiamarla fidanzata, lei non scende e lui non ha neppure un cellulare per passare il tempo. Un vecchio progetta il viaggio intorno al mondo. Sa che non lo farà mai, ma conta più avere un piano, uno scopo, o realizzarlo e trovarsi svuotati, soltanto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.