40 anni dopo la Regina è una punk rocker

40 anni dopo  la Regina  è una punk rocker

Dio salvi la regina, non è un essere umano”. Così, nella calda primavera londinese del 1977, i Sex Pistols auguravano buon giubileo all’odiatissima Queen Elizabeth, sulle cui regali labbra il grafico Jamie Reid pensò bene di infilare una spilla da balia. Elisabetta, come le Sheena e le Judy dei Ramones, era una punk rocker? Non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.