30 anni d’internet e c’è qualcosa che non torna

Trent’anni fa l’Italia si collegava per la prima volta a Internet tramite un segnale che partì da Pisa. Insomma, l’indizio che qualcosa sarebbe andato storto c’era. In questi decenni, al di là degli innegabili vantaggi apportati dall’avvento di Internet, sono state decimate molte figure professionali, dall’agente di viaggi al venditore di enciclopedie all’uomo che ti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.