Lettera da Mosca

Russia: chi è rimasto, chi è fuggito. La scrittrice Svetova: “Non tutti sono con Putin”

Il suo libro in Italia - “Questa è l'operazione militare speciale del potere, non della società. Nessuno di noi sa cosa succederà domani, ma il nostro è il Paese dei miracoli”

Di Michela A.G. Iaccarino
25 Novembre 2022

“Ci hanno privato della comprensione del passato, presente, futuro”. Lo dice un giovanissimo ragazzo russo che, dalla nascita, non ha mai visto al vertice del suo Paese altri che Putin. Come molti è scappato oltre confine con nella valigia poche cose, ma, tra queste, un libro di poesie di Mandel’stam. È stata Zoja Svetova – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui