L’assaggio

Lettere a Liviuccia: la vita privata, ma sempre politica, di Giulio Andreotti

Cara Liviuccia - È l’incipit delle lettere personali che Giulio Andreotti inviava alla moglie durante le pause estive, lei in vacanza a badare alla prole e lui nelle stanze del potere

1 Ottobre 2022

Cara Liviuccia è l’incipit delle lettere personali che Giulio Andreotti inviava alla moglie durante le pause estive, lei in vacanza a badare alla prole e lui nelle stanze del potere. A volte la chiama “ostrica”, anche “con tanto di perla” per la quale lui si definisce “lo scoglio”. Il carteggio, curato dai figli Serena e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.