Il progetto

Le Havre, la Piombino francese, e le ire ambientaliste contro lo “Stato piromane”

Un terminal galleggiante - Parigi è, come tutti, alle prese con la riduzione del gas russo e ha appena approvato (senza le sinistre e in un disegno di legge sul potere d'acquisto) la realizzazione di un impianto la lavorazione del GNL, inquinante, dannoso al momento dell'estrazione e molto costoso

Di Luana De Micco
6 Agosto 2022

La Piombino di Francia è Le Havre. È nel grande porto della città della Normandia, secondo in Francia per il traffico di merci dopo Marsiglia, che Parigi ha deciso di installare un nuovo contestato terminal galleggiante per lo stoccaggio e la rigassificazione di GNL (gas naturale liquefatto), nell’ottica di assicurare quanto prima la “sovranità energetica” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.