Cannes

Il “Dolce Rémi” è da Palma col suo amore omoerotico

Edizione n. 75 - “Close” del belga Dhont è tra i favoriti, tallonato dal “Broker” coreano di Kore-eda e da “Pacifiction” di Serra, il film più libero, bizzarro e politico in concorso

27 Maggio 2022

Palma, eppur si muove. Passano oggi gli ultimi due lungometraggi, Showing Up di Kelly Reichardt e Mother and Son di Léonor Serraille, dei ventuno in Concorso, ma Cannes inizia a chiarirsi le idee per il palmares: la tripletta Close di Lukas Dhont, Broker di Hirokazu Kore-eda e Pacifiction di Albert Serra potremmo ritrovarla nella cerimonia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui