L’intervista

Il gen. Bertolini: “Mandare le armi favorisce l’escalation: si deve trattare”

Una lucida visione - “Se si avranno dei risultati, Putin potrebbe accontentarsi di questo, magari offrendo a Kiev in cambio la città di Odessa come sbocco al mare, in modo da non escluderla completamente dal Mar Nero. Se i negoziati non andranno avanti, possiamo aspettarci di tutto, anche l’occupazione dell’Ucraina”

11 Marzo 2022

Il generale Marco Bertolini ha una carriera militare d’eccezione. Comandante dei parà della Folgore, del reparto speciale Col Moschin, del Comando interforze per le Operazioni delle Forze Speciali. Dall’alto di questa esperienza conserva una visione molto lucida della guerra anche perché, dice, “in questi frangenti è facile cadere nell’analisi emozionale e si perde un po’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione