Il dossier

“Dopo Draghi il diluvio”: tutti a corte dal monarca

Fine del mondo - Giornali e pezzi di potere preannunciano l’apocalisse imminente se il Parlamento non eleggerà in fretta il premier al Colle

25 Gennaio 2022

Tranne il Pd di Enrico Letta e, sia pure indirettamente, il partito di Giorgia Meloni, nessuno ha mai candidato Mario Draghi. Eppure si respira ogni giorno quell’aria da après moi, le déluge, “dopo di me il diluvio”, frase attribuita a Luigi XIV e che restituisce l’idea della magnificenza sovrana unita a una vocazione da salvatore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione