Lettera da Ankara

Erdogan licenzia il ministro contrario alle sue follie economiche

Verso il baratro - Il presidente turco continua a tenere troppo bassi i tassi d'interesse, nonostante il conseguente aumento esponenziale dell'inflazione (arrivata al 22%) e il crollo del valore della lira. Lufti Elvan è il terzo responsabile delle Finanze accompagnato alla porta dopo pochi mesi

3 Dicembre 2021

L’annus horribilis per la maggior parte degli ottanta milioni di turchi sta finendo, ma il 2022 si preannuncia ancora più difficile e incerto vista la decisione del presidente della Repubblica, Recep Tayyip Erdogan, di continuare a tenere bassi i tassi di interesse nonostante il conseguente aumento esponenziale dell’inflazione arrivata al 22% e il crollo del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.