Lettera da Mosca

Nella Russia di Putin si ride a denti stretti: i comici nel mirino

La satira nel mirino - I commentatori che fanno ironia sul governo, sul clero o sui problemi sociali ed economici del Paese rischiano il carcere per una battuta. Tra questi c'è Denis Chuzoy, molto seguito sul web ma molto controllato dalla polizia, che ha cominciato a interrogare anche i suoi amici e conoscenti

Di Michela A. G. Iaccarino
26 Novembre 2021

Nel 1999, prima di uscire per sempre di scena, Boris Yelsin avrebbe potuto dire: cari russi, “sono stanco, me ne vado”. Il presidente, “alto quasi due metri”, “come in una scena del Re Leone”, avrebbe poi potuto tirare fuori dal mausoleo di Lenin il suo “piccolo successore”: Vladimir Putin. Dopo aver ascoltato questa battuta, il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.