Sui social

Open, il software israeliano per la Bestia di Matteo

Le carte - 260mila dollari pagati dalla Fondazione, il via libera di “Marchino”

10 Novembre 2021

“Non perdete tempo, partite. Altro che privacy. I nomi li sappiamo. Dài!!!”. È il 20 settembre 2016, al referendum costituzionale mancano poco più di due mesi. Matteo Renzi risponde a una email di Fabio Pammolli, docente universitario e consulente del suo governo, che fa il punto sulle attività in corso sui social network. In quel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.