Lettera da Parigi

A un anno dall’uccisione del professor Paty, la Francia forma gli insegnanti sulla laicità

L'inchiesta, con quindici sospetti indagati, sul brutale assassinio, è ancora in corso. Nel frattempo alcune cose sono cambiate nelle scuole: i docenti sono tenuti a segnalare ogni comportamento o gesto che possa essere considerato un attacco. Sul fronte Covid, con cinquemila contagi al giorno, finisce l'era dei tamponi gratis per i non vaccinati

Di Luana De Micco
15 Ottobre 2021

OMAGGIO AL PROFESSORE È un anno che Samuel Paty è stato ucciso – era il 16 ottobre 2020 – all’uscita della scuola in cui insegnava, a Conflans-Sainte-Honorine, cittadina tranquilla della regione di Parigi: la sua “colpa”, agli occhi del terrorista, un rifugiato ceceno radicalizzato, era stata di aver mostrato in classe delle caricature di Maometto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.