Fare gli italiani

Quintino Sella e l’importanza nazionale di scalare montagne

“Lo statista con gli scarponi”

30 Agosto 2021

All’indomani dell’unità nazionale, nel 1861, Massimo d’Azeglio auspicò che, dopo avere fatto l’Italia, si facessero gli italiani. Anche il biellese Quintino Sella (1827-1884), futuro ministro delle Finanze del Regno e capo della destra storica, la pensava così. Definito da Antonio Gramsci “uno dei pochi borghesi, tecnicamente industriali, che partecipano in prima fila alla formazione dello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.