La guerra poi si associa sempre alla bugia. C’è bisogno di raccontare frottole per giustificare l’assassinio di persone. Subito dopo l’11 settembre era chiaro che non c’era un cittadino afghano coinvolto nell’attentato di New York. La motivazione “I talebani danno rifugio a Bin Laden” non reggeva. Bin Laden era scappato prima in Pakistan. (Gino Strada, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lombardia, in crash la piattaforma. Hacker? No, ‘Aria’ condizionata

prev
Articolo Successivo

L’anomalia di B. ha minato il possibile bipolarismo

next