Ufficialmente il provveditore alle Opere pubbliche del Triveneto, Cinzia Zincone, è caduta a causa di un’intervista. Ha dichiarato che il commissario straordinario nominato due anni fa per velocizzare i cantieri del Mose, l’architetto Elisabetta Spitz, è una figura “inutile, lo dimostra la situazione in cui siamo, i ritardi accumulati nei lavori e nella gestione del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Una nuova legge contro i roghi nei nostri boschi

prev
Articolo Successivo

Milano, Luca Bernardo fa il nostalgico: “Non distinguo tra fascisti e antifascisti”

next