“Loquace”, “eccentrica”, “pettegola”, “Zingara” e “fata”. Sono stati molti gli appellativi affibbiati – a torto o a ragione – alla poetessa e scrittrice inglese per nascita ma di espressione e origine italiana Annie Vivanti. Tuttavia, quello che forse le è rimasto appiccicato più di tutti sulla pelle fu l’essere ricordata soltanto come “amante di Carducci”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il Fatto di domani. Durigon fuori dal governo: il Fatto passa all’attacco con una raccolta firme

prev
Articolo Successivo

“Women at work”: quando la moda migliora la vita delle donne nell’industria dell’abbigliamento

next