Casi di studio

La via francese alla “sobrietà digitale”: una legge per ridurre le emissioni di web e dispositivi

Sembra immateriale, ma internet consuma energia. Una mail di 1Mb produce la stessa quantità di CO2 di una lampadina da 60 W accesa per mezz'ora. Inoltre, l'obsolescenza programmata dei dispositivi tecnologici consuma materie prime e produce rifiuti evitabili. Per questo in Francia è nato un progetto di legge bipartisan per ridurre l'impatto ambientale del digitale, responsabile, secondo le stime, del 2% delle emissioni di gas a effetto serra prodotti nel 2019.

Di Luana De Micco
19 Luglio 2021

“La tecnologia digitale è considerata un motore di sviluppo sostenibile perché consente di dematerializzare molte attività (per esempio ridurre l’uso della carta), ridurre gli spostamenti fisici (riducendo i consumi di carburante e l’inquinamento) e migliorare i processi manifatturieri (ridurre uso di energia e materie prima). Come per tutte le tecnologie il suo uso deve essere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.