Gianluigi Torzi è stato per cinque mesi, dal 10 aprile 2020 al 30 settembre 2020, advisor “in regime di volontariato” dell’ufficio di presidenza della Croce rossa italiana. Il broker molisano, accusato dalla magistratura vaticana di peculato, appropriazione indebita, riciclaggio, autoriciclaggio ed estorsione ai danni del Vaticano, aveva ricevuto l’incarico in piena pandemia dall’attuale presidente nazionale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Caro Damilano, dopo Genova non arrivò l’anti-politica

prev
Articolo Successivo

Dio e Mammona. Donne, malloppo, familismo amorale e insulti ai magistrati: ecco il cardinale B.

next