Ho deciso di scriverne appena l’ho vista. Meglio, appena mi ha detto che era l’assessore alla cultura. Perché non ricordo un assessore scendere in strada e andare verso il portabagagli di un’auto per tirar su voluminosi pacchi di libri da portare dentro il comune come un fattorino. La giovane assessora, invece, sgambettava felice avanti e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Nicola Tanturli: “Io, bimba ‘selvaggia’, a 4 anni andavo a scuola da sola: guai a chi critica i miei”

prev
Articolo Successivo

Abbuffarsi di partite (mediocri) in tivù: “Chi vuol guardare Svezia-Ucraina?”

next