Quando si chiedeva a James Hillman quale considerava il più importante dei suoi libri, la risposta era Re-visione della psicologia. Il suo Le storie che curano, non a caso pubblicato qualche anno dopo, potrebbe venir considerato il completamento di quello ed essere chiamato revisione dell’analisi. Negli stessi anni, Hillman aveva sempre più decisamente lasciato il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’arte si fa ridicola: rimaneggiare icone per strappare il riso

prev
Articolo Successivo

“La rissa con la Marini, io nuda davanti a Banfi. E non nominatemi Mark…”

next