Dalla crisi economico-sociale indotta dalla pandemia si può uscire – com’è sempre avvenuto nelle crisi – o “da destra” o “da sinistra” e questa alternativa è sotto gli occhi di tutti alla vigilia della fine ufficiale (salvo sorprese) del blocco dei licenziamenti. Si fronteggiano, per l’uno o per l’altro esito, le invocazioni datoriali alla ritrovata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

McAfee, così vive (e muore) un vero genio paranoide

prev
Articolo Successivo

“Io, Mogol e Fiorello”. L’ironia di Gabriella Germani

next