Non si poteva immaginare una resa dei conti così straziante e tragica, dalle sfumature decisamente scespiriane per personaggi e trama. Finalmente il commissario Teresa Battaglia, anzi la commissaria come si corregge tardivamente lei stessa, affronta le ombre della sua giovinezza di indicibile dolore. Fin qui, nelle inchieste che hanno preceduto questo Figlia delle cenere, ecco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’Emilia rossa dei Cccp: Pci, Mao e lambrusco

prev
Articolo Successivo

“Sono una casa piena di stanze segrete”

next