Anche a Taranto, l’avvocato Piero Amara otteneva incarichi, consulenze, sceglieva persino gli esperti che avrebbero dovuto affiancare la Procura nelle indagini. È quanto emerge dall’inchiesta della Procura di Potenza, che ieri ha portato in carcere l’uomo già al centro di alcune inchieste e che ora fa tremare i palazzi con le ultime rivelazioni sulla “loggia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Politici&toghe Ecco la rete del “sistema Amara”

prev
Articolo Successivo

Sponsor al Csm: peggio del caso Palamara

next