Sarà un governo ambientalista dichiarava Draghi il 13 febbraio, il giorno del giuramento del suo governo, ma in realtà l’uomo che doveva portare in Italia l’aria dell’Europa come il rispetto delle regole e delle procedure si è subito adeguato alla brezza italica. Le iniziali promesse si sono rivelate solo propaganda all’atto della presentazione del suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dalla Cartabia a Di maio e Carfagna: ecco quali sono i sogni dei politici

prev
Articolo Successivo

Cingolani, il grande equivoco “verde” nel governo Draghi

next