Che le serie, nei casi migliori, siano la prosecuzione del Cinema per altri formati lo conferma The Underground Railroad di Barry Jenkins, il regista premio Oscar di Moonlight e Se la strada potesse parlare. Adattando il romanzo Pulitzer di Colson Whitehead, si dà un obiettivo proibitivo: attribuire un linguaggio audiovisivo alla schiavitù degli afroamericani. Ha […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mamme, bambine e suore sull’orlo di una crisi di nervi

prev
Articolo Successivo

“Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino”, la serie paga un po’ il passare degli anni

next