Sin dalla sua prima apparizione nel 1929, quando Rainer Maria Rilke era da poco scomparso, Lettere a un giovane poeta divenne nei Paesi di lingua tedesca una specie di manifesto di poetica, un breviario di arte e vita insieme che incontrò un certo plauso nel pubblico. E non ci volle molto perché, grazie alle traduzioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Inquinare meno, consumare meno

prev
Articolo Successivo

Mamme, bambine e suore sull’orlo di una crisi di nervi

next