È “una storia di carne, di corpi che contengono la nostra mente. È una storia che riguarda l’appetito nei suoi tanti risvolti e aspetti, nelle sue perversioni e nella sua fragilità, nei suoi strani rifiuti e capovolgimenti”. È una storia di dura formazione al femminile, una storia di sorellanza con spine annesse – supporto, sì, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Steven Soderbergh ha già finito tre film

prev
Articolo Successivo

Tondelli francese: un angelo biondo, caduto per l’Aids

next