Ha agito nell’ambito delle sue funzioni di consigliere del Csm, non c’è stata dunque alcuna violazione né una rivelazione del segreto d’ufficio. È la linea tenuta ieri dall’ex consigliere del Consiglio superiore della Magistratura Piercamillo Davigo, sentito per ore dai magistrati romani. Il procuratore capo Michele Prestipino e la pm Lia Affinito lo hanno interrogato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La politica dimentica i morti: commissione ferma al Senato

prev
Articolo Successivo

“L’ex segretaria indagata mi disse che aveva ricevuto un plico anonimo”

next