“Libertà” da Israele ma, soprattutto, da Fatah. È questo il significato del nome scelto per la lista che ha spaccato lo storico partito palestinese fondato da Yasser Arafat in vista delle elezioni parlamentari e presidenziali che si terranno rispettivamente il 22 maggio e il 31 luglio. Dopo ben 15 anni, gli abitanti dei territori palestinesi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’odissea geniale del teatro Patologico

prev
Articolo Successivo

La “Bancada femminista” spiazza il Brasile omofobo

next