L’economia delle grandi città metropolitane, oscurate e desertificate dalla cappa nera della pandemia, sono allo stremo e navigano a vista. Imposte e tributi ridotti al lumicino, “ristori” e “sostegni” statali insufficienti e in ritardo costringono le amministrazioni comunali a tagliare i livelli dei servizi primari tradizionalmente erogati sul territorio: asili e scuole materne e primarie, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Johnson balla sulle rovine dell’Europa

prev
Articolo Successivo

Proteste di piazza in mezza Italia: è finita la tregua?

next