De Gregori compie 70 anni oggi? Prima di tutto allora, gli faccio i miei più sinceri auguri di… 100 di questi giorni!!! Tanti ma tanti auguri, Francesco!! De Gregori è uno dei più grandi cantautori italiani, le sue canzoni sono sempre state per me fonte di grande piacere e di ispirazione. Lui ha cominciato prima di me e molto prima di me ha trovato la sua strada, quella della canzone d’autore, io l’ho trovata un po’ dopo la mia, quella del cantautore rock, del rocker e della rockstar.

Non avrei mai immaginato che un giorno mi avrebbe reso un attestato di stima con la sua interpretazione di Vita spericolata, tra l’altro bellissima “alla De Gregori”. Per me è stato come ricevere un Oscar.

Personalmente conoscevo tutte le sue canzoni, negli anni in cui avevo la radio, Punto Radio 75/76, le mettevo sempre nel mio programma sulla musica italiana d’autore. Ai tempi facevo radio, non cantavo ancora, strimpellavo la chitarra e cominciavo a scrivere le mie prime canzoni. Ispirandomi anche alle sue, naturalmente. Ma le canzoni di De Gregori sono dei gioielli di scrittura unici e inimitabili. Lui sì che è un poeta. Anche se non gli piace che lo si definisca così, e giustamente perché lui scrive canzoni d’autore, rimane un fatto che lui scrive dei testi che sono poesia pura.

Non a caso, per Rock sotto l’assedio, il mio concerto a San Siro “contro le guerre”, nel ‘95, scelsi di fare un omaggio a De Gregori cantando in apertura Generale… un capolavoro assoluto, “…Che torneremo ancora a cantare, e farci fare l’amore, l’amore dalle infermiere”, versi di strettissima attualità perché siamo in guerra anche oggi, anche se in un modo diverso.

Sarà anche una questione di affinità elettive, ma ogni volta che ci incontriamo è un grandissimo piacere, non abbiamo neanche bisogno di troppe parole, tra di noi basta uno sguardo per intenderci.

Ricordo e ricorderò sempre con grande soddisfazione e affetto quella volta a Roma quartiere Prati, ero ancora agli inizi carriera, stavo andando dall’albergo alla Rai per promozione, quando una macchina si ferma, si apre lo sportello e scende dall’auto De Gregori per salutarmi. De Gregori voleva salutare me. Un grandissimo onore per me, allora e tuttora, godere del suo affetto.

Egregio Maestro De Gregori, carissimo Francesco… Ti auguro 100 di questi giorni!!

PS… mi guardo intorno e sei sempre, sei sempre il migliore che c’è.

Articolo Precedente

Francesco De Gregori compie 70 anni, gli auguri del mondo della musica da Venditti a Elisa, da Meta a Giorgia: “Sei il poeta delle canzoni, Principe!”

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di Domani. La Pasqua flop dei “migliori”: meno della metà dei vaccini della domenica precedente

next