Resistenza a pubblico ufficiale per gli scontri contro la polizia e violenza privata per avere insultato e picchiato alcuni militanti del Pd a un corteo. Sono le accuse della Digos di Torino nei confronti di 13 No Tav e antagonisti, colpiti da misure di custodia cautelare per avere preso parte ai tafferugli al corteo del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Disse “magistrati sono un cancro”, Salvini assolto

prev
Articolo Successivo

Foggia, il sindaco leghista e la rete di mafiosi. E ora il Comune rischia il commissariamento

next