Dopo nemmeno due settimane dall’ultimo attentato, un altro kamikaze si è fatto esplodere a Mogadiscio, la capitale della devastata Federazione somala. Mentre i rappresentanti del frammentato e riottoso panorama politico somalo stavano discutendo nei palazzi del potere per tentare di sbloccare l’impasse causata dalla volontà del presidente Mohamed Abdullahi Mohamed “Farmajo” di rimanere in carica […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Impeachment, McConnell tira il salvagente a Trump

prev
Articolo Successivo

Sesso, scherzi e pitali: le armi seducenti di Arlecchino & C.

next