Le pratiche burocratiche che hanno portato Denis Verdini, in via temporanea, fuori dal carcere di Rebibbia per “incompatibilità” fra le sue condizioni di salute e l’emergenza Covid-19, sono state “espletate con una velocità che normalmente non è consuetudine all’interno del carcere”. Lo dice Gabriella Stramaccioni, garante dei detenuti di Roma Capitale: per i detenuti meno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’Italia non pare più bella anche a voi?

prev
Articolo Successivo

“Creazzo violò la libertà sessuale della pm Sinatra”

next