“Operazione Project Goal”. L’hanno chiamata così, come un film di 007. E in effetti un po’ vi assomiglia l’operazione spericolata con cui la Serie A è pronta a vendersi a fondi d’investimento la cui proprietà si snoda fra Lussemburgo, Cayman e Stati Uniti. Tutto per dare una governance indipendente, una dimensione internazionale e soprattutto un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’ultima traccia di Messina Denaro è un vero pizzino da “Capo dei Capi”

prev
Articolo Successivo

“Con i Regeni, nell’ora più buia”

next