L’assessore calabrese al Bilancio, Francesco Talarico, finito agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta “Basso profilo”, ha “letteralmente svenduto il suo futuro incarico, mettendo in relazione faccendieri, soggetti di palese estrazione ’ndranghetista con un parlamentare europeo”. La Dda di Catanzaro si riferisce al segretario dell’Udc Lorenzo Cesa, che avrebbe dovuto, secondo gli inquirenti, “aprire canali importanti” in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Ue: piano ad aprile, riforme e task force per controllare

prev
Articolo Successivo

“Il sistema dei colori funziona”. L’Rt nazionale scende a 0.97

next