L’intento dichiarato era pensare al futuro dei figli. Per la Corte dei conti le operazioni effettuate a inizio 2017 da quattro consiglieri regionali della Valle d’Aosta miravano a ridurre la loro consistenza patrimoniale, viste le anticipazioni di stampa sull’inchiesta (in cui sono poi finiti a giudizio, assieme ad altri 17 colleghi) sui 140 milioni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Truffa al Parlamento Ue, sequestrati oltre 500 mila euro a Lara Comi (ex FI)

prev
Articolo Successivo

Fd’I contro Report, Ranucci: “Porte sempre aperte”

next