Gigi mi raccontava sempre che per lui esistevano tre tipi di attori: chi è dotato di un’intelligenza attoriale (che non è detto riporti tale dote nella vita di tutti i giorni); quello che è una persona intelligente (qui, al contrario, non è detto riporti la sua dote sul palcoscenico); e infine chi fa l’en plein, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il mio Tommaso e il sale di Goethe

prev
Articolo Successivo

Dopo il disastro 2020, il 2021 sarà l’anno delle sfide industriali

next