Gesù bambino quest’ anno può ben permettersi di nascere un paio d’ore prima, ma di arrivare un mese dopo, proprio no. Almeno a Napoli, dove il Natale, per dirla con il vicesindaco Enrico Panini, “inizia a novembre, dopo i Morti e Ognissanti”. E il Natale di Napoli – sperando nella clemenza di Gesù Bambino – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cenoni e crociere: rissa tra i ministri e i renziani

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next