Tatiana. Stavolta la storia italiana si chiama così. Ed è un po’ italiana ma soprattutto moldava (o moldova). Arrivata in una casa milanese per qualche settimana, Tatiana è gentile, premurosa con tutti. All’inizio, dicono, tendeva a isolarsi educatamente, gli occhi fissi sul telefonino. Sarà il fidanzato o un corteggiatore, facevano immaginare i suoi 27 anni. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Covid da non credere. “Papà è morto solo, mentre negazionisti inseguono ambulanze”

prev
Articolo Successivo

Calcio in dissesto. Stipendi “segati” a Messi e Benzema, tagli inventati a CR7&Company

next