Siamo in guerra, si dice, contro il Covid-19. È proprio questo “stato di guerra” che ha reso possibile al governo, peraltro condizionato fortemente nelle sue scelte non solo nel campo medico ma anche, indirettamente, economico, quindi in un’area molto vasta, da un gruppo di tecnici (ma non si era sempre detto che un governo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Borat italiano infiltrato nel cerchio magico del presidente Conte

prev
Articolo Successivo

Pandemia e vip. La cura del virus è diventata uno vero status symbol

next