Insider

Lo dice anche la Consulta: il legislatore deve riconoscere l’omogenitorialità

La Corte, investita da un ricorso di una coppia di donne, unita civilmente, con un figlio, ha così deliberato: “È ben possibile una diversa tutela del miglior interesse del minore in direzione di più penetranti ed estesi contenuti giuridici del suo rapporto con la madre intenzionale, che ne attenui il divario tra realtà fattuale e realtà legale”

5 Novembre 2020

L’omogenitorialità deve essere riconosciuta dal legislatore, anche nell’ottica di tutelare il bambino. Lo ha deciso la Corte costituzionale, investita da un ricorso di una coppia di donne, unita civilmente, con figlio. Nella sentenza, relatore il presidente Mario Morelli, si legge che “il riconoscimento della omogenitorialità, all’interno di un rapporto tra due donne unite civilmente, non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione