“Eh, Gualtieri…”. Dalle parti del Pd, il nome del ministro dell’Economia è spesso accompagnato da un sospiro di insofferenza. Non da oggi, pure se dopo la sua presa di posizione sul Mes (un no dovuto al contesto, mascherato da sì, nel nome dei rischi che le fibrillazioni parlamentari potrebbero portare in termini di spread e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Scongelata l’“astronave” di Bertolaso: ma senza bagni…

prev
Articolo Successivo

Il manifesto di Bettini, mezzo divorzio da Zinga

next