Dalle Fiabe apocrife di Asai Ryoi. Il quarto mese del quarto anno di Kanbun, Kojiro poteva dirsi l’uomo più felice delle 36 province. La sua reputazione come maestro rifinitore di spade era cresciuta insieme con la sua fortuna, e adesso la sua casa era fra le più belle di Kyoto; il suo negozio, il più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Per la Certosa di Trisulti niente apertura. E slitta al 2021 l’udienza

prev
Articolo Successivo

USA, la destra in armi (e alla Suprema Corte)

next